Tecnologia e ambiente

La crescente attenzione delle comunità e delle persone nei confronti dell’ambiente fa sì che oggi, nella scelta dei prodotti, l’impatto ecologico di ciò che si mette nel carrello abbia un ruolo fondamentale. Ciò vale sia per l’alimento in sé sia per l’imballaggio che lo contiene. Attenti ai risvolti ambientali delle nostre attività e a rispondere e anticipare le richieste del mercato, abbiamo quindi deciso di scegliere per i nostri prodotti tipologie di confezioni il più possibile amiche dell’ambiente.

Scarica Politica integrata qualità, sicurezza e ambiente

Confezioni Tetra Pak® per le bevande e i derivati del pomodoro
Per le nostre bevande e derivati del pomodoro utilizziamo principalmente confezioni Tetra Pak®, costituite in media per il 70% del proprio peso da carta, materia prima rinnovabile, certificata e riciclabile.

Tetra Pak®, infatti, è impegnata nel garantire che il 100% del cartone utilizzato per le proprie confezioni sia stato realizzato con fibre di legno certificate FSC® e altre fonti controllate. FSC è un’organizzazione internazionale che promuove una gestione mondiale delle foreste adeguata dal punto di vista ambientale, socialmente vantaggiosa ed economicamente sostenibile.

Le confezioni Tetra Pak®, inoltre, grazie al loro alto contenuto di materia prima rinnovabile e alla loro efficienza logistica, permettono di ottenere ottimi risultati in termini di emissioni di CO2, e ottimizzano lo spazio sugli scaffali dei punti vendita.

Relativamente allo smaltimento, inoltre, una volta consumato il prodotto, i contenitori Tetra Pak® possono essere riciclati secondo le diverse modalità di raccolta differenziata previste dal Comune di residenza.
Scopri di più su www.tiriciclo.it

La busta compostabile per le verdure surgelate

Le nostre verdure surgelate sono disponibili nell’innovativo pack interamente compostabile, certificato Ok Compost ai sensi della normativa UNI EN 13432:2002 dall’ente TÜV Austria, realizzato in bioplastica smaltibile nell’organico della raccolta differenziata.

Ridurre i consumi di energia e di acqua, limitare gli scarti di produzione, aumentare l’efficienza produttiva: il nostro impegno nei confronti dell’ambiente, oltre che attraverso l’utilizzo di packaging a ridotto impatto ambientale, si esprime attraverso una visione globale, volta a rendere tutti i processi aziendali sempre più sostenibili, rendicontata nel nostro Bilancio di Sostenibilità.

Il consumo di energia elettrica

Il nostro impegno nei confronti di un utilizzo responsabile delle risorse ambientali si è concretizzato, inoltre, in importanti interventi di efficientamento energetico realizzati a livello dei gruppi frigoriferi e dei reparti nello stabilimento di Alfonsine, che ci hanno consentito di ridurre notevolmente i consumi.

Con lo stesso obiettivo, sia nello stabilimento di Larino sia in quello di Alfonsine, abbiamo portato avanti un progetto di relamping che ha previsto la sostituzione di tutte le lampade di produzione, dei locali magazzino e delle celle con tecnologia LED. Inoltre, per quei locali che non prevedono la presenza continuativa di personale, si è scelta la tecnologia LED abbinata a sistemi di rilevazione delle presenze, in modo da limitare l’accensione delle lampade ai soli momenti effettivamente necessari.

Il consumo di metano

Abbiamo scelto di utilizzare il gas metano come combustibile delle nostre centrali termiche sia per l’elevato rendimento di combustione sia per i minori impatti legati all’emissione in atmosfera dei principali inquinanti. L’energia generata dalle nostre centrali sotto forma di vapore ad alta pressione viene utilizzata per la cottura degli ortaggi prima della surgelazione, i processi di pastorizzazione e sterilizzazione per la produzione di nettari, succhi, bevande vegetali, passate e polpe di pomodoro, e per le operazioni di grigliatura delle verdure negli appositi forni.

L’impianto di cogenerazione

Tra i più significativi investimenti in ottica di efficientamento energetico vi è la realizzazione, nel 2017, dell’impianto di cogenerazione nel sito di Alfonsine che ci ha consentito di:

  • produrre, nel corso del triennio 2018-2020, in media il 30% dell’energia elettrica necessaria per il funzionamento del sito produttivo di Alfonsine;
  • generare parte del vapore necessario ai cicli produttivi;
  • recuperare calore per il riscaldamento dell’acqua necessaria ai processi di riscaldamento degli uffici;
  • ottimizzare l’efficienza energetica dello stabilimento grazie al rendimento combinato di energia elettrica e termica, superiore a quello disgiunto.

La risorsa idrica

Il regime di utilizzo dell’acqua, come l’approvvigionamento di energia elettrica e metano, è fortemente influenzato dalla stagionalità delle lavorazioni e si concentra da maggio a ottobre, quando i conferimenti dalla campagna per la lavorazione del prodotto fresco sono più intensi.
Anche nei confronti di questa risorsa, sulla cui disponibilità si gioca il futuro del pianeta, operiamo in maniera responsabile, con investimenti portati avanti in un’ottica di efficienza e sostenibilità.
Il depuratore realizzato ad Alfonsine ci ha consentito nel 2020 di recuperare circa 196.000 mc di acqua ed emungerne 529.000 mc (con autorizzazione fino a 750.000 mc).
Mediante un impianto di depurazione aziendale, infatti, parte dell’acqua chiarificata in uscita viene recuperata e riutilizzata – dopo filtraggio e sanificazione – per processi quali il lavaggio di piazzali e attrezzature. Anche la gestione dell’impianto di Larino avviene secondo procedure stabilite nel Sistema di Gestione Ambientale.

Fruttagel è beneficiaria di un progetto approvato a valere sul PSR Emilia-Romagna 2014-2020 Tipo operazione 4.2.01. Clicca qui per maggiori informazioni.

Fruttagel è beneficiaria di un progetto approvato a valere sul PSR Molise 2014-2020 Misura 4 Sottomisura 4.2. Clicca per maggiori informazioni